Cerca
Close this search box.
come conservare il latte materno

Come riscaldare in modo sicuro il latte materno dal frigorifero e dal congelatore

Potete riscaldare in sicurezza sia il latte materno refrigerato che quello congelato in acqua tiepida.
Anche gli scaldabiberon possono aiutare, ma possono surriscaldare il latte materno.

Scaldare il latte materno conservato prima di servirlo al vostro bambino è una scelta personale. Molti bambini preferiscono il latte materno caldo se lo prendono dal biberon, poiché il latte materno è caldo quando il bambino viene allattato.
Il riscaldamento del latte materno aiuta anche a mantenerne la consistenza dopo che è stato conservato.
Quando il latte materno viene congelato o refrigerato, il grasso tende a separarsi nel biberon. Riscaldare il latte materno, o almeno portarlo a temperatura ambiente, può aiutarvi a mescolare più facilmente il latte materno alla sua consistenza originale.

Come scaldare il latte materno dal frigorifero

Per scaldare il latte materno dal frigorifero:

  • Prendete il latte materno dal frigo e mettetelo da parte
  • Scaldate l’acqua utilizzando un bollitore o il microonde. Versate dell’acqua molto calda (non bollente) in una tazza o una ciotola
  • Mettete la busta sigillata o la bottiglia di latte materno nella ciotola dell’acqua tiepida. Il latte deve essere conservato in un contenitore sigillato per il riscaldamento.
  • Lasciate il latte nell’acqua tiepida per 1-2 minuti finché il latte materno non raggiunge la temperatura desiderata. Con le mani pulite, versate il latte materno in un biberon o, se è già nel biberon, avvita la tettarella.
  • Agitate il latte materno (non agitarlo mai) per mescolarlo al grasso, se è separato.

Prima di offrire il biberon al bambino, controllate la temperatura del latte materno versandone un po’ sul polso.
Per evitare che i germi penetrino nel latte, evitare di immergere il dito nel biberon.

Potete anche scaldare il latte tenendo la busta o la bottiglia sigillata sotto l’acqua corrente molto calda del rubinetto.
Ma richiede più tempo e spreca acqua (non è troppo ecosostenibile).

Come scaldare il latte materno dal congelatore

Per riscaldare il latte materno congelato, rimuovetelo dal congelatore e mettetelo in frigorifero a scongelare durante la notte. Quindi, seguite le stesse istruzioni per scaldare il latte materno dal frigorifero.
Se avete bisogno di latte subito e tutto ciò che avete è latte congelato, potete scaldare il latte materno direttamente dal congelatore utilizzando lo stesso metodo che utilizzereste per scaldarlo dal frigorifero.
L’unica differenza è che dovrete tenerlo nell’acqua calda per 10-15 minuti o più.

Si può scaldare il latte materno nel microonde?
Non mettete mai il latte materno nel microonde: le microonde non riscaldano il cibo in modo uniforme, quindi possono creare punti caldi che possono bruciare il bambino.
Si ritiene inoltre che le microonde danneggino i nutrienti e gli anticorpi nel latte materno.
Tuttavia, potete utilizzare un forno a microonde per riscaldare l’acqua utilizzata per scaldare il latte materno.

Ha senso acquistare uno scaldabiberon?

Alcuni genitori giurano di usare uno scaldabiberon per riscaldare il latte materno o il latte artificiale.
I produttori di scaldabiberon affermano che questi dispositivi riscaldano in modo più uniforme rispetto a un forno a microonde.
Tuttavia, le opinioni sono contrastanti se siano effettivamente utili o più facili rispetto alla macerazione del latte materno in acqua calda.
Il potenziale svantaggio di uno scaldabiberon è la maggiore possibilità di surriscaldare il latte materno e di uccidere i nutrienti benefici.

Come scaldare il latte materno in uno scaldabiberon

Per riscaldare il latte materno in uno scaldabiberon, posizionare l’intero biberon nella zona riscaldante e seguire le istruzioni del manuale.
La maggior parte degli scaldabiberon impiega alcuni minuti per raggiungere il calore desiderato. Tieni d’occhio lo scaldabiberon in modo che non si surriscaldi e scollegalo quando non lo usi.

È possibile riutilizzare il latte materno precedentemente riscaldato?

Vi sconsigliamo di scaldare il latte materno precedentemente riscaldato.
A volte i bambini iniziano a poppare ma non finiscono l’intera bottiglia: dopo due ore di seduta, è meglio buttare via il latte materno avanzato. Questo aiuta a prevenire che il latte vada a male o venga introdotto in germi nell’ambiente.

Per quanto tempo è buono il latte materno estratto? La sicurezza del latte materno tralasciato varierà notevolmente a seconda dei livelli complessivi di batteri nell’ambiente.
Il latte materno è buono a temperatura ambiente (25°C) per:

  • Quattro ore per il latte materno fresco: dopo quattro ore dovreste usarlo, conservarlo o eliminarlo.
  • Due ore per il latte materno precedentemente conservato e scongelato. Buttate il latte materno non utilizzato e scongelato dopo due ore. Non ricongelate o riscaldate il latte materno congelato e scongelato.

Consigli generali per utilizzare il latte materno scaldato

Ricordatevi di tenere sempre il latte materno coperto con il coperchio quando è fuori dal frigorifero (ma anche all’interno).
Almeno uno studio indica che è possibile conservare il latte materno in un frigorifero isolato con impacchi di ghiaccio per un massimo di 24 ore. Utilizzare sempre biberon e sacchetti specifici per il congelamento del latte materno.

Come utilizzare e conservare il latte materno

Pianificate di conservare il latte materno in monodosi a seconda di quanto il vostro bambino assume in genere in una singola poppata: questo può aiutare a ridurre la quantità di latte materno inutilizzato che in seguito dovrai eliminare.
Etichettate sempre il latte materno con la data in cui è stato spremuto e utilizzare prima il latte materno conservato più vecchio per mantenere fresca la rotazione.

Per quanto tempo si può conservare il latte in freezer e in frigo?
Il latte materno può essere conservato in frigorifero per quattro giorni e nel congelatore fino a 12 mesi.
Tuttavia, dopo 90 giorni, l’acidità del latte materno può aumentare e i nutrienti possono diminuire. Quindi, per la migliore qualità, pianificate di utilizzare il latte materno congelato entro sei mesi da quando è stato estratto.
Potete mescolare e conservare il latte materno estratto in giorni diversi, ma utilizzarlo sempre in base alla prima data, quella più vecchia. E non aggiungete mai il latte materno fresco al latte materno già congelato.

In generale, il latte materno refrigerato è migliore di quello congelato perché è più fresco e i nutrienti e gli anticorpi saranno più adatti alle esigenze del bambino.

Condividi:

Altri Articoli

Carrello della spesa0
Non ci sono prodotti nel carrello!
Continua a fare acquisti