Cerca
Close this search box.
allattare al seno fa dimagrire? scopri perché

Allattare al seno fa dimagrire: ecco perché

Perdere peso in allattamento si può! Utilizza questi semplici trucchi.

L’allattamento è un’esperienza che contribuisce a creare un maggior legame tra madre e bambino in un momento di intimità e nutrimento. Ma oltre ai suoi numerosi benefici per la salute, molte neomamme si chiedono se allattare al seno fa dimagrire. La risposta è si, e in questo articolo scopriamo insieme i motivi che stanno dietro a questa affermazione.

Perché allattare al seno fa dimagrire?

I motivi che portano al dimagrimento delle neomamme possono essere diversi:

1. Consumo di Calorie: l’allattamento al seno richiede energia, il corpo utilizza le calorie accumulate durante la gravidanza, oltre a quelle dell’assunzione giornaliera di cibo, per produrre il latte. Questo processo può bruciare tra le 200 e le 500 calorie al giorno, a seconda della quantità di latte prodotto e della frequenza delle poppate.

2. Mobilizzazione del Tessuto Adiposo: durante la gravidanza, il corpo accumula una riserva di grasso per supportare sia la gravidanza che l’allattamento. Durante l’allattamento, queste riserve vengono mobilizzate per sostenere la produzione di latte, contribuendo alla perdita di peso.

3. Effetto Termogenico della Produzione di Latte: la produzione di latte è un processo che richiede energia. Il corpo deve riscaldarsi per produrre latte, un fenomeno noto come termogenesi, che può contribuire al dispendio calorico.

4. Attività Fisica Inconscia: le neomamme spesso non si rendono conto di quanto siano attive durante il giorno, occupandosi del bambino e svolgendo altre attività domestiche. Questa attività fisica inconscia può contribuire al bilancio energetico negativo necessario per la perdita di peso.

È importante notare che mentre molte donne perdono peso durante l’allattamento, non è una garanzia e non tutte le donne perdono peso allo stesso modo o con la stessa velocità. Alcune possono scoprire di avere più fame e di mangiare di più per supportare la produzione di latte, il che potrebbe non portare a una perdita di peso. Inoltre, è essenziale mantenere una dieta equilibrata e un adeguato apporto calorico per garantire sia la salute della madre che una nutrizione adeguata per il bambino.

Quanti chili si perdono con l’allattamento?

La perdita di peso durante l’allattamento può variare significativamente da donna a donna. In media, chi allatta può bruciare tra le 200 e le 500 calorie al giorno. Tuttavia, la perdita di peso non è garantita e dipende da molti fattori, tra cui:

  • Metabolismo individuale: ogni persona ha un tasso metabolico diverso che può influenzare la velocità con cui brucia calorie.
  • Assunzione calorica: se una donna consuma più calorie di quelle che brucia, potrebbe non perdere peso o potrebbe addirittura aumentare di peso durante l’allattamento.
  • Livello di attività fisica: l’esercizio fisico regolare può contribuire a una maggiore perdita di peso.
  • Frequenza dell’allattamento: più spesso si allatta, più calorie si possono bruciare.
  • Riserve di grasso corporeo: le donne con maggiori riserve di grasso possono perdere peso più facilmente all’inizio dell’allattamento.

Alcuni studi suggeriscono che le donne possono aspettarsi di dimagrire in allattamento in modo graduale, con una media di circa 1-2 chili al mese, ma questo è solo un punto di riferimento generale e non si applica a tutti. È sempre meglio consultare un medico o un dietista per ottenere consigli personalizzati sulla perdita di peso durante l’allattamento.

Benefici del latte materno sul bambino

Il latte materno rappresenta la fonte nutrizionale più completa e bilanciata per i neonati, fornendo una miscela perfetta di vitamine, minerali, proteine e grassi essenziali, fondamentali per il corretto sviluppo del sistema nervoso e del cervello. Questo prezioso alimento naturale contiene anche anticorpi unici, come l’immunoglobulina A (IgA), che rivestono il tratto gastrointestinale del neonato e offrono una protezione diretta contro patogeni e allergeni, riducendo significativamente il rischio di infezioni e malattie. L’allattamento al seno non solo fortifica il sistema immunitario dei bambini, ma è stato anche associato a una minore incidenza di condizioni a lungo termine come allergie, asma e obesità, grazie al suo ruolo nel regolare il metabolismo e la risposta immunitaria.

Oltre ai benefici fisici, l’allattamento al seno è un’esperienza che trascende la nutrizione, poiché il contatto pelle a pelle e l’interazione visiva e tattile durante l’allattamento rafforzano il legame tra madre e figlio. Questo legame emotivo è cruciale per lo sviluppo psicologico del bambino, fornendo sicurezza emotiva e promuovendo lo sviluppo di un attaccamento sicuro. La vicinanza fisica e il contatto visivo ripetuto incoraggiano anche lo sviluppo cognitivo e la comunicazione non verbale.

Cosa succede se si mangia poco durante l’allattamento?

Mantenere un’adeguata assunzione calorica durante l’allattamento è importante. Se una madre non assume abbastanza calorie, può risentirne la qualità e la quantità del latte prodotto, influenzando l’apporto nutrizionale al bambino. È importante che le neomamme seguano una dieta varia e ricca di nutrienti per supportare la propria salute e quella del loro bambino.

Per questo motivo allattare è un impegno, e per alcune mamme, il tiralatte elettrico può essere un valido alleato. Quello di Mamashy è progettato per simulare il naturale ritmo di suzione del bambino, rendendo l’estrazione del latte comoda ed efficiente. Utilizzare un tiralatte può aiutare le mamme a mantenere la produzione di latte anche quando sono distanti dal loro piccolo o quando ritornano al lavoro.

Cosa aspetti? Acquistalo Ora su www.mamashy.com

Condividi:

Altri Articoli

Carrello della spesa0
Non ci sono prodotti nel carrello!
Continua lo shopping